Maggiorazioni convenzionali dell’anzianità contributiva

In alcuni casi l’effettuazione di attività lavorative particolari comporta una copertura assicurativa potenziata: il contributo previdenziale corrispondente a tali periodi, che sarebbe spettato in condizioni normali, viene moltiplicato per determinati coefficienti di maggiorazione.

Si tratta in genere di periodi di attività effettuata in condizioni disagiate; quando la maggiorazione ha effetto sull’anzianità contributiva utile per il diritto alla pensione, la finalità cui risponde la maggiorazione è l’anticipazione del momento in cui è possibile ritirarsi in pensione, cessando quindi l’attività lavorativa disagiata se ancora in svolgimento; quando ha effetto anche sulla misura della pensione, la finalità è anche la compensazione del maggior dispendio di energia fisica e psichica necessaria per l’effettuazione dell’attività.

Dal 1° gennaio 1998 il complesso dei periodi contributivi dovuti a maggiorazione di qualsiasi tipo per “particolari attività professionali” non può superare il limite di 5 anni, fermo rimanendo il diritto ai periodi di maggiorazione già maturati a tale data che, se di durata oltre i 5 anni, rimangono cristallizzati e non possono crescere ulteriormente (art. 59, comma 1, lettera a, della legge 449/97).

Non è soggetta a questa limitazione la specifica maggiorazione dei periodi di lavoro svolti da non vedenti (art. 9 L 113/1985 e successive modificazioni e integrazioni), in quanto riferita alle condizioni del soggettocheeffettual’attivitàenonalleparticolaritàdell’attività professionale stessa.

Invece, la maggiorazione prevista in favore di sordomuti ed invalidi per altra causa è soggetta al limite massimo di 5 anni per espressa disposizione della legge istitutiva (art. 80, comma 3, L 388/2000).

Dal 1° gennaio 2012 le maggiorazioni riconoscibili nelle quote calcolate con il sistema contributivo sono utili solo ai fini del diritto e non anche della misura della pensione

Servizio prestato a bordo di navi — anche in riserva — dai militari della marina e Servizio di navigazione compiuto dai carabinieri, dalla guardia di finanza, dalle guardie di pubblica sicurezza, dagli agenti di custodia, dai vigili del fuoco, dagli ufficiali della marina imbarcati come medici e dal personale civile imbarcato su navi militari

Entità: 1/3 del periodo

Regime: Ex INPDAP

Art. 19 Dpr 1092/1973

Servizio prestato a bordo di navi militari da militari dell’Esercito e dell’Aeronautica

Entità: 1/2 del periodo

Regime: Ex INPDAP

Art. 19 Dpr 1092/1973

Servizio prestato a bordo delle navi in armamento o in riserva dai militari addetti alle macchine

Entità: 1/5 del periodo

Regime: Ex INPDAP

Art. 19 Dpr 1092/1973

Servizio di volo

Entità: 1/3 del periodo

Regime: Ex INPDAP

Art. 20 Dpr 1092/1973

Servizio prestato ai confini di terra come sottufficiale o militare di truppa del corpo della guardia di finanza

Entità: 1/2 del periodo per i primi due anni; 1/3 per i successivi

Regime: Ex INPDAP

Art. 21 Dpr 1092/1973

Servizio prestato dal personale dell’Amministrazione degli affari esteri nelle residenze disagiate* o particolarmente disagiate** (compreso il periodo di viaggio tra una sede e l’altra)

Entità: 1/2 del periodo prestato in zone disagiate; 3/4 del periodo se in zone fortemente disagiate

Regime: Ex INPDAP

Art. 23 Dpr 1092/1973

Servizi prestati nelle scuole e in altre istituzioni educative e culturali italiane all’estero

Entità: 1/2 del periodo per i primi due anni; 1/3 per i successivi

Regime: Ex INPDAP

Art. 24 Dpr 1092/1973

Servizio prestato alla commutazione telefonica in qualità di operatore, di assistente o di capoturno da parte del personale dell’Azienda di Stato per i servizi di telefonia

Entità: 1/3 del periodo

Regime :Ex INPDAP

Art. 50 Dpr 1092/1973

Campagne di guerra

Entità :un anno ogni campagna

Regime :Ex INPDAP

Art. 18 Dpr 1092/1973

Servizi prestati nei reparti di correzione o negli stabilimenti militari di pena

Entità :1/5 del periodo

Regime :Ex INPDAP

Art. 22 Dpr 1092/1973

Operai addetti a lavori insalubri e ai polverifici

Entità: 1/4 del periodo

Regime :Ex INPDAP

Art. 24 Dpr 1092/1973

Personale direttivo, docente ed assistente educatore della scuola ed istituzioni statali aventi particolari finalità

Entità: 1/3 del periodo

Regime :Ex INPDAP

Art. 63 Legge 312/1980

Esposizione ad Amianto

Entità: 1/2 del periodo (sino al 1.10.2003)

Regime :INPS F.P.L.D.

Art. 13, co. 7, legge 257/1992

Entità: 1/4 del periodo (dal 2.10.2003)

Regime :INPS F.P.L.D.

Art. 47 Dl 269/03

Malattia professionale da Amianto

Entità :1/2 del periodo

Regime :INPS F.P.L.D.

Legge 257/1992

Lavoro svolto da persone non vedenti

Entità: 1/3 del periodo

Regime :INPS F.P.L.D.

Legge 113/1985 e legge 120/1991

Lavoro svolto da persone in minore età (solo sistema contributivo. Non valido per la misura)

Entità: 1/2 del periodo

Regime :INPS F.P.L.D. e Gestioni Autonome

Art. 1, co. 7, legge 335/1995

Lavoro svolto da sordomuti e invalidi con grado di invalidità non inferiore al 74%

Entità: 1/6 del periodo

Regime :INPS F.P.L.D.

Art. 80, legge 388/2000

Ex combattenti e relativi superstiti con eventuali invalidità indotte

Entità :Variabile a seconda del tipo di lavoratore

Regime :INPS F.P.L.D. e Gestioni Autonome

Art. 2, legge 336/1970; Art. 6 legge 140/1985

Lavoro in sottosuolo in miniere, cave o torbiere che hanno cessato l’attività

Entità: da 1/5 ad un 1/4 del periodo a seconda della durata

Regime :INPS F.P.L.D.

Art. 78, co. 23, legge 388/2000

Lavoro in sottosuolo in miniere, cave o torbiere

Entità: Entro un massimo di 5 anni

Regime :INPS F.P.L.D.

Art. 18, legge 153/1969

Pensione di inabilità

Entità: pari al periodo mancante alla data di compimento dell’età pensionabile

Art. 2 L. n. 222/1984

Servizio in colonia ed in territorio somalo

Entità :1/2 del periodo per i primi due anni; 1/3 per i successivi

Regime :Ex INPDAP

Art. 26 Dpr 1092/1973

Servizio in zona di armistizio

Entità: 1/2 del periodo per i primi due anni; 1/3 per i successivi

Regime: Ex INPDAP

Art. 27 Dpr 1092/1973

Attività particolarmente usuranti e particolarmente usuranti di maggior gravità

Entità: un anno del coefficiente di trasformazione ogni 6 anni di attività usurante ai fini del calcolo della pensione esclusivamente con il sistema contributivo, in luogo dell’anticipazione del limite di età nel retributivo

Art. 1, commi 35 e 37, legge 335/1995

Attività di lavoro svolta prima del raggiungimento del 18° anno di età

Entità: 1 /2 dell’importo della contribuzione ai fini del calcolo della pensione esclusivamente con il sistema contributivo

Art. 1, comma 7, legge 335/1995

Percezione dell’indennità per Servizio d’istituto o, dal 25 aprile 1981, funzioni di polizia espletate da INPS F.P.L.D. della Polizia di Stato e Prefetti

Entità :1/5 del periodo

Regime :Ex INPDAP

Art. 3, legge 284/1977

Navigazione mercantile

Entità :1/2 del periodo

Regime :Ex INPDAP

Art. 31 Dpr 1092/1973

Vittime di atti di terrorismo che abbiano subito invalidità permanente di qualsiasi entità e grado e loro familiari

Entità: 10 anni

Regime :INPS F.P.L.D. e Gestioni Autonome

Art. 3, legge 206/2004

Impiego operativo di campagna per militari Esercito, Marina, Aviazione

Entità: 1/5 del periodo

Regime :Ex INPDAP

Art. 17, legge 187/1976

Impiego operativo per reparti di truppe alpine

Entità: 1/5 del periodo

Regime :Ex INPDAP

Art. 18, legge 78/1983

Imbarco su mezzi di superficie

Entità: 1/3 del periodo (misura 3,5%)

Regime :Ex INPDAP

Art. 18 legge 78/1983

Imbarco su sommergibili

Entità :1/3 del periodo (misura 6%)

Regime :Ex INPDAP

Art. 18 legge 78/1983

Controllo spazio aereo di I, II e III livello

Entità: 1/3 del periodo

Regime :Ex INPDAP

Art. 18 legge 78/1983

Servizio all’estero con compiti di cooperazione con Paesi in via di sviluppo in sedi disagiate* e particolarmente disagiate**

Entità: 1/2 del periodo prestato in zone disagiate; 3/4 del periodo prestato in zone fortemente disagiate

Regime :Ex INPDAP

Art. 23, legge 49/1987

Anticipo della pensione per le lavoratrici madri

Una sorta di maggiorazione, che non consiste, però, in un accredito di contributi figurativi, è prevista anche per le madri lavoratrici che hanno versato il loro primo contributo dal 1996 in avanti, quindi sono soggette al calcolo contributivo della pensione.

In particolare è riconosciuto:

– un anticipo del requisito di età, rispetto al requisito di accesso alla pensione di vecchiaia, di 4 mesi per ogni figlio, fino ad un massimo di 12 mesi (dunque dopo il terzo figlio non è previsto alcun beneficio);

– in alternativa, la mamma lavoratrice può ottenere una pensione più alta, maggiorando il coefficiente moltiplicatore corrispondente all’età di accesso alla pensione di un anno, in caso di uno o due figli, o di due anni, in caso di tre o più figli; il coefficiente moltiplicatore è la cifra che trasforma i contributi accumulati in pensione: ovviamente, più è alto, più sarà alto il trattamento previdenziale.

Limite di 5 anni per le maggiorazioni dei contributi

Dal 1° gennaio 1998 [ art. 59 ,comma 1 , legge 449 del 1997] , l’accredito delle maggiorazioni convenzionali è stato limitato ad un massimo di 5 anni, ferme restando le maggiori anzianità già conseguite alla stessa data: le maggiorazioni oltre i 5 anni maturate al 1° gennaio 1998 restano “cristallizzate”, cioè ferme a quelle maturate alla data di riferimento. Ai fini della pensione possono essere considerate per intero, anche nella parte che supera il limite di 5 anni, ma il lavoratore non può beneficiare di aumenti successivi.

Il limite di 5 anni non è applicato ai lavoratori non vedenti e alle vittime di atti di terrorismo.

Si rammenta che nelle quote di pensione calcolate con il sistema contributivo le maggiorazioni sopra indicate sono utili solo ai fini del diritto e non anche della misura della pensione — Messaggio Inps n. 219 del 2013 — .

* Residenze disagiate (tabella A del DM 1° maggio 1954) Addis Abeba; Algeri; Amman; Asmara; Assunzione; Avana; bahia blanca; bogotà; bombay; bona; bucarest; budapest; Caifa; Calcutta; Campinas; Ciudad Truyillo; Colombo; Curitiba; Dar es Salaam; Gerusalemme; hong Kong hankow; La Paz; Londrina; Lourenso marques; managua; manila; New Delhi; Orano; Pechino; Porto Alegre; Porto Principe; Praga; Quito; Recife; Santos; Shanghai; Sofia; Tananarive; Tegucigalpa; Teheran; Tel Aviv; Tientsin; Varsavia.

** Residenze particolarmente disagiate (tabella B del DM 1° maggio 1954) Abidjan; Accra; Aden; bagdad; bangkok; bengasi; Chisimaio; Ciudad bolivar; Conakry; Dakar; Djakarta; Elisabethville; Gedda; hargheisa; Kabul; Karachi ; Kartoum; KualaLampur; Lagos; Leopoldville; Luanda; maracaibo; massana; mogadiscio; monrovia; Rangoon; Saigon; Singapore; Seoul; Taiz; Tirana; Yaoundè

Assistenza Fiscale, Tributaria, Previdenziale e Amministrativa | Servizi CAF e Patronato | Seguici anche su Facebook: https://bit.ly/2pUjhrX

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store