Detrazioni per gli inquilini con contratto di locazione [La Sez. V del Quadro E Mod. 730/2017]

E’ possibile portare in detrazione le spese sostenute per l’affitto di una casa adibita ad abitazione principale. I requisiti e le soglie cambiano a seconda dei casi.

I contribuenti possono indicare le spese da portare in detrazione nel Rigo E71-E72 del Mod. 730/2017.

Rigo E71 — DETRAZIONE PER GLI INQUILINI DI ALLOGGI ADIBITI AD ABITAZIONE PRINCIPALE:

Nella Colonna 1 “TIPOLOGIA”: si dovrà indicare uno dei seguenti codici relativo alla detrazione:

COD. 1 — contribuenti che hanno stipulato o rinnovato un contratto di locazione di immobili adibiti ad abitazione principale in base alla legge 9 dicembre 1998, n. 431.

La detrazione che verrà attribuita dal soggetto che presta l’assistenza fiscale sarà di:

COD. 2 — contribuenti che hanno stipulato o rinnovato un contratto di locazione di immobili adibiti ad abitazione principale c.d. contratto convenzionale in base all’art. 2, comma 3, e art. 4, commi 2 e 3 della legge n. 431 del 1998.

La detrazione che verrà attribuita dal soggetto che presta l’assistenza fiscale sarà di:

COD. 3 — contribuenti, di età compresa fra i 20 ed i 30 anni, che hanno stipulato o rinnovato un contratto di locazione di immobili adibiti ad abitazione principale in base alla legge 9 dicembre 1998, n. 431. Il requisito dell’età è soddisfatto se ricorre anche per una sola parte dell’anno. L’immobile affittato deve essere diverso dall’abitazione principale dei genitori e la detrazione spetta per i primi tre anni dalla stipula del contratto.

La detrazione che verrà attribuita dal soggetto che presta l’assistenza fiscale sarà di:

Questa detrazione spetta solo per i primi tre anni dalla stipula del contratto. Così, il contratto viene firmato nell’anno 2015, si potrà beneficiare della detrazione per gli anni d’imposta 2015, 2016, 2017.

COD. 4 — contribuenti che hanno stipulato o rinnovato un contratto di locazione di alloggi sociali adibiti ad abitazione principale, come definiti dal Decreto del Ministro delle infrastrutture del 22 aprile 2008, in attuazione dell’art. 5 della legge 8 febbraio 2007, n. 9.

La detrazione che verrà attribuita dal soggetto che presta l’assistenza fiscale sarà di:

Nella Colonna 2 “GIORNI”: si dovrà indicare il numero dei giorni di locazione (tenendo conto che, in caso di più righi E71 compilati, la somma dei giorni non può essere superiore a 365).

Nella Colonna 3 “PERCENTUALE”: si dovrà indicare la percentuale di detrazione spettante. Se il contratto è intestato a una persona sarà 100%; se gli intestatari sono due sarà 50%.

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE:

Rigo E72 — LAVORATORI DIPENDENTI CHE TRASFERISCONO LA RESIDENZA PER MOTIVI DI LAVORO:

La detrazione spetta ai lavoratori dipendenti che:

Tale detrazione spetta solo per i primi tre anni dal trasferimento della residenza, quindi ad esempio se il trasferimento della residenza è avvenuto a ottobre 2015, la detrazione spetta solo per gli anni di imposta dal 2015 fino al 2017, compresi.

N.B.: La detrazione NON spetta ai titolari di redditi assimilati al lavoro dipendente.

Il diritto alla detrazione si perde dall’anno successivo a quello in cui il contribuente cessa di essere lavoratore dipendente.

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE:

N.B.: Le detrazioni di cui ai righi E71 e E72 sono alternative e, pertanto il contribuente è libero di scegliere quella a lui più favorevole, compilando esclusivamente il relativo rigo.

Il contribuente può beneficiare di più detrazioni se durante l’anno si trova in più di una delle situazioni previste: in tal caso il numero di giorni indicati a colonna 1 delle detrazioni scelte non può superare 365.

Assistenza Fiscale, Tributaria, Previdenziale e Amministrativa | Servizi CAF e Patronato | Seguici anche su Facebook: https://bit.ly/2pUjhrX

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store