Decreto CURA Italia: le nuove scadenze delle dichiarazioni dei redditi

Il Decreto Cura Italia, relativo alle misure prese in relazione all’emergenza COVID-19, ha sostanzialmente confermato lo slittamento della campagna fiscale ed in particolare le tempistiche di presentazione delle dichiarazioni dei redditi.

E’ innanzitutto opportuno precisare che, a causa dell’emergenza Coronavirus di queste settimane, sono state anticipate a quest’anno il calendario e quasi tutte le novità che la Legge di Bilancio 2020 aveva previsto per l’anno prossimo.

Il primo slittamento vero e proprio riguarda la data a partire dalla quale si possono trovare sul sito dell’ Agenzia delle Entrate i modelli precompilati delle dichiarazioni dei redditi. A partire da martedì 5 maggio 2020 sarà possibile accedere e consultare il modello 730 online. Le modifiche ai dati precompilati e la possibilità di procedere all’invio saranno possibili dal 14 maggio, data a partire dalla quale sarà disponibile online anche il modello Redditi precompilato.

Il 30 Settembre 2020 è invece la scadenza ultima entro cui poter presentare il modello 730. E’ comunque necessario fare una precisazione: il conguaglio, cioè la trattenuta o il rimborso che si riceve sulla busta paga o sulla pensione, da quest’anno non verrà effettuato più secondo le scadenze prestabilite (che lo scorso anno erano Luglio per i lavoratori dipendenti, ed Agosto per i pensionati). Quest’anno, invece, il conguaglio si applicherà sulla prima o al massimo sulla seconda busta paga rispetto a quando il datore di lavoro riceve il prospetto di liquidazione. In definitiva, quindi, prima verrà presentata la dichiarazione dei redditi e prima si subirà la trattenuta o si riceverà il rimborso sulla busta paga.

Relativamente, invece, alla data entro cui presentare al CAF il modello 730 integrativo, vale a dire il modello che si utilizza quando il contribuente ha commesso un errore sulla dichiarazione dei redditi, qui il contribuente potrà presentare presso un Caf o un professionista abilitato entro il 10 Novembre il modello 730 integrativo (anche in caso di assistenza precedentemente prestata dal sostituto).

Il medesimo Decreto Cura Italia ha previsto, inoltre, per il 2021 delle detrazioni speciali nel 730 per chi quest’anno avrà fatto donazioni allo Stato, alle Regioni e ad altri enti riconosciuti, allo scopo di finanziare la lotta contro questa epidemia.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store