Dati catastali identificativi degli immobili e altri dati per fruire della detrazione [La Sez. III B del Quadro E Mod. 730/2017]

Questa sezione deve essere compilata solo in relazione ai lavori iniziati a partire dal 2011.

Vanno qui indicati i dati catastali identificativi degli immobili e gli altri dati necessari per fruire della detrazione del 36% o del 50%. Deve essere compilata anche la Colonna 10 della precedente Sezione III-A.

La presente sezione deve essere compilata nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno d’imposta in cui è stata sostenuta la spesa (ad es. 730/2017 per le spese sostenute nel 2016) o, comunque, nella prima dichiarazione in cui si fruisce della detrazione per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio.

Non è obbligatorio indicare nuovamente i dati identificativi degli immobili nelle dichiarazioni dei redditi in cui vengono riportate le successive rate in cui è ripartita la detrazione.

Colonna 1 — NUMERO D’ORDINE IMMOBILE:

Questa Colonna riprende quanto già indicato nella Colonna 10 della Sezione III-A.

In particolare, in essa deve essere riportato il numero progressivo, che identifica l’immobile oggetto di interventi di ristrutturazione, già indicato nella suddetta Colonna 10.

Nel caso in cui siano stati effettuati più interventi in relazione allo stesso immobile (quindi, sono stati compilati più Righi della Sezione III-A con lo stesso numero d’ordine), in questa Colonna deve essere compilato un solo Rigo.

Colonna 2 — CONDOMINIO:

Barrare la casella nei seguenti casi:

  • interventi effettuati su parti comuni condominiali. In questo caso nella colonna 3 della sezione IIIA va riportato il codice fiscale del condominio, mentre non devono essere compilate le successive colonne dei righi E51 e E52, relative ai dati catastali dell’immobile, in quanto tali dati saranno indicati dall’amministratore di condominio nel quadro K o AC della propria dichiarazione dei redditi.
  • interventi iniziati dal 1° gennaio al 13 maggio 2011, se è stata inviata la comunicazione preventiva al Centro operativo di Pescara e lo scorso anno non è stata presentata la dichiarazione o comunque non si è fruito della detrazione del 36%.

Colonne 3, 4, 5, 6, 7 e 8 — DATI CATASTALI:

qui vanno inseriti (nei vari campi) i dati catastali dell’immobile (codice comune, sezione, foglio, ecc.) i quali possono essere ricavati dalla visura catastale.

Rigo E53 — ALTRI DATI (estremi di registrazione del contratto e della domanda di accatastamento):

Il Rigo E53 è destinato ad accogliere ulteriori dati relativi a situazioni particolari e, precisamente:

  • se i lavori sono stati effettuati dal conduttore o dal comodatario devono essere indicati, oltre ai dati identificativi dell’immobile di cui ai Righi E51 e E52, anche gli estremi di registrazione del contratto di locazione o di comodato; il CAF/professionista è tenuto al controllo del contratto e della relativa registrazione (circolare 7 luglio 2015, n. 26/E);
  • se l’immobile non è ancora censito al momento di presentazione della dichiarazione, devono essere riportati gli estremi della domanda di accatastamento.

Colonna 1 — “N. D’ORDINE IMMOBILE”:

Riportare il numero progressivo, che identifica l’immobile oggetto degli interventi di ristrutturazione, indicato nella Colonna 10 della Sezione III-A del Quadro E.

Nel caso in cui siano stati effettuati più interventi con riferimento allo stesso immobile e quindi siano stati compilati più righi della Sezione III-A indicando lo stesso numero d’ordine nella Colonna 10, nella presente sezione deve essere compilato un solo Rigo.

Colonna 2 — “CONDOMINIO”: Barrare la casella nei seguenti casi:

  • interventi effettuati su parti comuni condominiali. In questo caso nella colonna 3 della Sezione III-A va riportato il codice fiscale del condominio, mentre non devono essere compilate le successive colonne dei Righi E51 e E52, relative ai dati catastali dell’immobile, in quanto tali dati saranno indicati dall’amministratore di condominio nel Quadro AC della propria dichiarazione dei redditi;
  • interventi iniziati dal 01/01 al 13/05/2011, se è stata inviata la comunicazione preventiva al Centro operativo di Pescara e lo scorso anno non è stata presentata la dichiarazione o comunque non si è fruito della detrazione del 36%.
  • Se è barrata questa casella non devono essere compilate le successive colonne del Rigo E53.

Conduttore — Estremi di registrazione del contratto di locazione o comodato

I dati possono essere ricavati:

  • dal contratto di locazione o di comodato registrato presso l’Ufficio;
  • dalla ricevuta rilasciata dai servizi telematici nel caso di registrazione tramite Siria, ‘Locazioni web’ o ‘Contratti online’.

In particolare:

— nella Casella “Data” indicare la data di registrazione del contratto;

— nella Casella “Serie” indicare il codice relativo alla modalità di registrazione:

3” registrazione del contratto presso un ufficio dell’Agenzia delle Entrate;

3P” registrazione telematica tramite Siria e Iris;

3T” registrazione telematica tramite altre applicazioni (Locazioni Web o Contratti online e RLI)

3A” e “3B” codici di serie in uso in passato presso gli uffici;

— nella Casella “Numero e sottonumero” indicare il numero e l’eventuale sottonumero di registrazione del contratto;

— nella Casella “Codice Ufficio Agenzia Entrate” indicare il codice identificativo dell’Ufficio dell’Agenzia delle Entrate presso il quale è stato registrato il contratto. Le tabelle dei codici degli uffici dell’Agenzia delle Entrate sono reperibili sul sito www.agenziaentrate.gov.it nella apposita tabella presente nella sezione relativa ai contratti di locazione;

— nella Casella “Codice identificativo del contratto” indicare il codice identificativo del contratto composto da 17 caratteri e reperibile nella copia del modello di richiesta di registrazione del contratto restituito dall’ufficio o, per i contratti registrati per via telematica, nella ricevuta di registrazione. Se sono state compilate le colonne da 3 a 6 questa colonna non va compilata.

“Domanda di accatastamento”: se l’immobile non è ancora stato censito al momento di presentazione della dichiarazione devono essere riportati gli estremi della domanda di accatastamento.

Assistenza Fiscale, Tributaria, Previdenziale e Amministrativa | Servizi CAF e Patronato | Seguici anche su Facebook: https://bit.ly/2pUjhrX

Assistenza Fiscale, Tributaria, Previdenziale e Amministrativa | Servizi CAF e Patronato | Seguici anche su Facebook: https://bit.ly/2pUjhrX